P. Angelo: Riflessioni

 

Home
Chi Siamo
Attività
La Voce delle Associazioni
P. Angelo: Riflessioni
P. Modesto: I Pensieri
P. Luigi: Agostiniani Scalzi nelle Filippine
L'Informazione
Photogallery
Forum

 

 

a cura di Padre Angelo Grande


         

<20/10/2017 - A volte la spontaneità, dote apprezzabile ed apprezzata perché libera da ...>

<18/10/2017 - Si individuano con un una certa facilità le cause ed anche i rimedi di alcuni malesseri che ...>

<05/10/2017 - “Spero sia utile, anche ai giovani, la riflessione che col passare degli anni mi accompagna insistentemente. ...>

<01/10/2017 - "Tutte le belle notizie rallegrano e danno coraggio e speranza. Alcune però ci toccano più da vicino. ...>

<24/09/2017 - Una bella iniziativa che farà certamente piacere al mondo di Millemani e a molti altri. ...>

<18/09/2017 - Mi piace immaginare la mia vita all’interno di un triangolo equilatero dove gli spazi ...>

<10/09/2017 - E’ di qualche giorno fa la notizia che nel mar Ligure, nel corso di quest’anno, ...>

<05/09/2017 - Quanti si ostinano a credere e a dire che accanto a tanti alberi che cadono fragorosamente ne ...>

<01/09/2017 - Fino a qualche tempo fa mi sentivo quasi un “turista” che si accontenta di ...>

 

20/10/2017

A volte la spontaneità, dote apprezzabile ed apprezzata perché libera da convenzioni condizionanti, non è affatto libera ma soggetta a reazioni istintive non sempre positive. La paura, ad esempio, è una reazione - di fronte ad una situazione preoccupante o creduta tale - spontanea ma anche istintiva, e sappiamo bene che ciò che è istintivo prima di avere il via libera della volontà dovrebbe passare all’esame della ragione e degli altri valori nei quali si crede.
Riflettere e ponderare prima di parlare e di agire non mortifica dunque la spontaneità ma la arricchisce di maggiore consapevolezza e libertà.

18/10/2017

Si individuano con un una certa facilità le cause ed anche i rimedi di alcuni malesseri che a volte ci affliggono: raffreddori, piccole contusioni, ecc … Altri disturbi richiedono ricerche approfondite e cure impegnative e durature. Così avviene anche per quanto può turbare la serenità delle persone, dei gruppi, della società. A volte sono sufficienti una parola chiarificatrice od primo passo fatto con gratuità e benevolenza; spesso però ciò che inquina la vita personale e di relazione è qualcosa di più serio e profondo. In questi casi non basta incontrarsi, dialogare, trattare ma si dovrà intervenire per risanare il cuore e la mente di chi pensa ed agisce prevalentemente per egoismo, tornaconto, grettezza; con superficialità, con indifferenza. La terapia è lunga, richiede impegno ed anche fatica ma i risultati ci sono e … si vedono.

05/10/2017

“Spero sia utile, anche ai giovani, la riflessione che col passare degli anni mi accompagna insistentemente. “Inoltrandosi nella terza età si sperimentano i limiti evidenziati dal declino delle forze fisiche e dal passo spedito di chi ci cammina accanto giusto il tempo di sorpassarci.
La prima reazione può essere di disappunto. Poi il buon senso ci dice che è la legge della vita ed infine, con mille altre motivazioni anche le più negative emozioni istintive si addolciscono e si sente la serenità a portata di mano.
In definitiva non si tratta di ritirarsi o di essere emarginati ma di occupare il posto giusto al tempo giusto.
Per nessuno Dio disegna posteggi, tantomeno ripostigli. Al contrario ritaglia, per ciascuno, spazi su misura”.

01/10/2017

"Tutte le belle notizie rallegrano e danno coraggio e speranza. Alcune però ci toccano più da vicino e sono, per così dire, più “creative”. Una in particolare dovremmo sempre ricordare. Si intitola: il Vangelo. Una parola che già in sé stessa significa “lieto annuncio, buona notizia”. Il Vangelo propaga la notizia della esistenza, della presenza, della vicinanza di Dio; di Dio paternità, benevolenza, misericordia. E’ la notizia predicata da Gesù, affidata ai suoi discepoli e giunta fino a noi. Ha cambiato, nel corso dei secoli, il cuore e la vita a milioni di persone. E’ una notizia conosciuta e al tempo stesso dimenticata; molto predicata e non altrettanto messa in pratica; a volte combattuta ma sempre vitale. E’ la notizia che può rinnovare il mondo perché è in grado di risanare il cuore delle persone e renderle così capaci di fare e di ricevere il bene. Altre ricette possono rivelarsi rimedi palliativi e illusorii".

24/09/2017

Una bella iniziativa che farà certamente piacere al mondo di Millemani e a molti altri.
Da martedì 19 settembre il quotidiano Corriere della Sera pubblica e distribuisce gratuitamente un inserto settimanale dedicato alla “buone notizie, all’impresa del bene!”.
Ci si accorge che sono all’opera 300 mila imprese non profit, 4,7 milioni di volontari, e circa 1 milione di dipendenti e collaboratori.
Ci si accorge, e questa è - sopra tutte - la buona notizia, che anche il bene interessa la opinione pubblica, non tanto per dimenticare il male, ma perché in tutti c’è sì la voglia di stare bene ma anche il desiderio di fare il bene.

18/09/2017

Mi piace immaginare la mia vita all’interno di un triangolo equilatero dove gli spazi di presenza e di azione sono chiaramente indicati e delimitati da tre lati. Tre lati chiaramente distinti seppur saldamente uniti e quindi comunicanti, in relazione. Se ben ricordo le nozioni di geometria apprese a suo tempo, mentre nelle altre figure triangolari ogni lato ha un nome proprio nell’equilatero la distinzione non è necessaria. Ma i confini o lati che regolano lo spazio della vita hanno il loro nome. Si chiamano Dio, gli altri, io. Se questi lati-confine fossero riconosciuti, accettati, rispettati, ed anche allargati ma equamente … Alcuni potranno pensare che le parole : lato, confine, spazio evocano l’idea della chiusura, della difesa, dell’egoismo. Anche il termine “porta” può indicare realtà contraddittorie a seconda che sia una porta aperta o una porta chiusa!

10/09/2017

E’ di qualche giorno fa la notizia che nel mar Ligure, nel corso di quest’anno, si è notato un crescente avvistamento di cetacei; fenomeno documentato da una lunga lista di nomi con i relativi numeri confrontati con quello degli anni precedenti. Anche le presenze degli “umani” hanno reso più vivace la città di Genova e la riviera. Pur interessato alla ecologia ed in qualche modo coinvolto in ciò che comporta la promozione o meno del turismo, mi interessa, tuttavia, fare una riflessione meno economica ma che credo ugualmente importante. Dovremmo renderci più attenti ed entusiasti per quanto continua a fiorire attorno a noi; anche sull’asfalto, fra le pietre, nei cuori apparentemente più aridi. Contemporaneamente dovremmo renderci meno indifferenti, più attenti e preoccupati per quanto di positivo rischia di appassire, seccare, morire anche nei terreni già fiorenti e fertili.

05/09/2017

Quanti si ostinano a credere e a dire che accanto a tanti alberi che cadono fragorosamente ne crescono altri nel silenzio, rischiano di venir ritenuti illusi che chiudono gli occhi su quanto accade non solo nel mondo ma anche in casa nostra.

In realtà se non ci fossero persone sostenute -  nel loro pensare ed agire -  dalla fiducia, dalla speranza, dalla generosità il deserto avrebbe già ricoperto la terra.  

Ha scritto Georges Bernanos:  

“Noi apparteniamo alla razza di chi spera; apparteniamo a quel popolo dell’ attesa che non dispera mai, per la quale la disperazione è una parola vuota di senso analoga alla parola niente”.

Anche una sola goccia di acqua dolce rende l’oceano meno salato, come la benevolenza di un semplice sorriso o sguardo alleggerisce il fardello che incurva tante spalle.

01/09/2017

Fino a qualche tempo fa mi sentivo quasi un “turista” che si accontenta di osservare con interesse sì  - ma anche con superficialità - un monumento o qualche grande edificio.

Ora mi ci sto avvicinando e continuo a fare scoperte sorprendenti e belle.

Sto parlando del pianeta “rangers” e dei suoi molteplici satelliti.

Mondi tutti nei quali si ritrovano valori che si credevano perduti; mondi nei quali non ci si limita a pensare, discutere ma ci si sforza di passare, con coerenza, al dunque.

Si cerca anche se non sempre si riesce a realizzare tutto e subito, come si vorrebbe.

Sarei felice che, fra le “millemani” e i mille cuori, continuasse a trovare posto il pizzico di sale che dalla fiducia nel Vangelo trova   la capacità e la forza di dare vivacità, sapore e gusto anche alle cose più semplici e scontate. 

<Ritorna all'inizio>

 

Home | Chi Siamo | Attività | La Voce delle Associazioni | P. Angelo: Riflessioni | P. Modesto: I Pensieri | P. Luigi: Agostiniani Scalzi nelle Filippine | L'Informazione | Photogallery | Forum

 

Ultimo aggiornamento: 21-10-17